+39 075 9711000

Il paese dell’arte civile


I primi insediamenti nel territorio di Deruta sono favoriti dalla facile reperibilità di argilla, presente in grandi quantità nelle colline derutesi e nei depositi alluvionali del Tevere; la felice posizione geografica della città, per la prossimità a importanti vie di comunicazione, consente lo sviluppo delle attività dei vasai e dei loro commerci.

Un considerevole numero di documenti d’archivio e di opere ceramiche attestano come la ceramica sia stata prodotta a Deruta, senza soluzione di continuità, dal Medioevo fino ad oggi; ne risulta un quadro che vede Deruta configurarsi, specie nei secoli XV e XVI, e nuovamente nel XX secolo, come uno straordinario fenomeno di mono economia basata sulla produzione della ceramica.
Questa continuità fa sì che, nell’evoluzione stilistica e tecnica della ceramica derutese, si riconoscano tutte le principali tappe attraversate anche dalle produzioni dei centri ceramici dell’Italia centro-settentrionale, spesso con significative anticipazioni e originali soluzioni, come nel caso dei lustri rinascimentali; ciò si deve alla funzione di crocevia svolta da Deruta dal XIV al XVI secolo, quando varie esperienze artistiche si amalgamano in un incontro fecondo. La migrazione di maestri vasai da e per Deruta è, infatti, un fenomeno che interessa precocemente la città, e che rimane costante fino a tempi recenti; si comprendono, così, le contaminazioni e le originali elaborazioni che contraddistinguono l’arte derutese nei secoli.

In epoca rinascimentale, il predominio sul mercato, la coscienza artistica e la padronanza della tecnica dei vasai di Deruta rendono l’arte ceramica un’arte civile, che conferisce grande prestigio a chi la esercita:
Epsi da li teneri anni in qua et continuamente se sono exercitati e oggi se exercitano nell’arte civile, cioè in fare e depegnere vasi e altri lavori de terra". 
Dalla richiesta di cittadinanza rivolta ai Priori di Perugia da Simone e Nicolò di Raffaele da Deruta, 28 dicembre 1501 (ASP, Catasti, II, 31, c. 39r; cfr. p. 41).